Montalto, a tu per tu con la natura aspromontana

Pubblicato il : - Categorie : Diario di viaggio

L’ossigeno da cui ripartire-L’alba a Montalto 

Ci troviamo in Calabria, Montalto ricade nel comune di San Luca, all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte, ed è tra le vette più alte dell’intera Calabria, la più alta del territorio reggino con i suoi 1956 m di altitudine s.l.m. 

Sorge nei pressi di Gambarie, vicino a Reggio Calabria ed è facilmente accessibile da tutti i comuni limitrofi. 

In auto è raggiungibile seguendo la strada diretta verso il Santuario della Madonna di Polsi. 

Una volta giunti all’inizio del sentiero (segnalato da apposite tabelle) , troverete il percorso che porta alla cima del monte ,della durata di 30 minuti circa,accessibile a tutti e ben curato.

Solitamente è un luogo molto visitato durante il giorno,grazie alla sua fama. 

Arrivati in cima,il primo brivido lungo la pelle ,dopo la salita, sarà suscitato dalla statua del Cristo Rendentore.

La scultura è stata realizzata in occasione del Giubileo del 1900 dall’artista reggino (nato a Polistena) Francesco Jerace, è collocata su un terreno donato dal Barone Stranges e la sua l’inaugurazione risale al 1901.

Ad attirare la vostra attenzione ci penserà un altro particolare ,una scultura: La Rosa dei venti, manufatto in pietra e bronzo pesante oltre milleduecento chilogrammi.

Voluta, ideata e realizzata dal GEA – Gruppo Escursionisti d’Aspromonte, con il concreto sostegno dei Club Rotary di Reggio Calabria e del Lions Club Host di Reggio Calabria, che hanno entusiasticamente sposato l’iniziativa, la “Rosa dei Venti” è composta da un basamento a forma di cono rovesciato, ricavato da un monoblocco di pietra di Lazzaro, alla cui sommità è sistemata la “rosa”, in fusione di bronzo, opera dello scultore Antonio Casillo.

Per chi ama immergersi ed assaporare la vera essenza della natura ,suggerisco di trascorrere la notte.

Un sacco a pelo, una torcia, il calore di un bel fuoco,il suono di una chitarra,del buon vino e un’allegra compagnia , renderanno la notte suggestiva ed imparabile! 

Trovarsi ad un passo dal cielo, ed avere la sensazione di toccar le stelle con mano, emozionerà grandi e piccini.

I toni intensi dell’aurora e quelli caldi dell’alba faranno da contorno all’infinità bellezza dei due mari: il Tirreno e lo Ionio; dal primo apprezzerete i colori del tramonto, dal secondo quelli dell’alba.

Tirreno dove vedrete tramontare il sole , e ionio dove l’alba illuminerà i vostri occhi ) 

Se sentite il bisogno di ossigenar mente e cuore, Montalto è il posto giusto da cui ripartire; vi porterà a vivere un’esperienza ineguagliabile,avventurosa  e fuori dagli schemi.

Condividi