La Bagnarota

Pubblicato il : - Categorie : Diario di viaggio

La fama delle donne bagnaresi è risaputa, simbolo di laboriosità, operosità, del “sapersi arrangiare,” tanto da entrare nell’immaginario collettivo col nome di “bagnarota,” la donna per eccellenza, che nel suo largo saio e la sua cesta appoggiata sul capo, riusciva a non sminuire la propria femminilità e bellezza.

Negli anni ’70 la signora Domenica Triglia è riuscita ad “incarnare” la bagnarota in una foto che ha fatto epoca, proprio in un’era in cui questa figura andava perdendosi. Questa foto, che è valsa alla signora Triglia un recente premio da parte  del presidente Bruno Ienco, è custodita nei locali della Pro Loco bagnarese, antistanti l’edificio del Comune, in piazza Matteotti. Con l’avvento del nuovo millennio è stata realizzata una statua dedicata alla “bagnarota” e sita in piazza Marconi, rappresentata con mani grandi, a voler simboleggiare quanto essa fosse una grande lavoratrice, la quale infatti si occupava del trasporto del pesce, dell’uva, del sale, del legname e tanto altro, con la classica larga cesta sul capo. Ai piedi della statua c’è una stele con incise le parole dedicate alla “bagnarota” da Vincenzo Spinoso, il “poeta di Bagnara.”

 

Condividi